ANALISI DEL DOMINIO

monitoro.it


PIATTAFORMA

WordPress

CERTIFICATO SSL

NON RILEVATO

GESTIONE PRIVACY

NON RILEVATA

GESTIONE COOKIE

RILEVATO


Analisi Prestazioni

MOBILE

Analisi Prestazioni

DESKTOP

INDICE DI PRESTAZIONE e gradimento sito web

12

%


Velocità di caricamento
della Home Page

11,4 s

Indice 5%

 

Peso della pagina
scaricato

2.318 kB

Indice 96%

 

L’utente interagisce con
la pagina dopo

800 ms

Indice 1%

 

Opportunità di miglioramento

DEL CARICAMENTO DELLA PAGINA

10

Azioni

 

Possibilità di intervento

2,5

Secondi

 

Stima di tempo risparmiato

22,89

%

 

Stima aumento prestazioni


ELEMENTI ANALIZZATI

  • Le risorse basate sul testo dovrebbero essere pubblicate con compressione (gzip, deflate o brotli) per ridurre al minimo il numero totale di byte di rete.
  • Il codice di terze parti può incidere notevolmente sulle prestazioni del caricamento. Limita il numero di provider di terze parti superflui e prova a caricare il codice di terze parti al termine del caricamento della pagina.
  • Potresti aggiungere hint delle risorse `preconnect` o `dns-prefetch` per collegarti anticipatamente a importanti origini di terze parti.
  • Minimizza i file CSS per ridurre le dimensioni dei payload di rete.
  • Potresti usare il caricamento lento per le immagini fuori schermo e nascoste al termine del caricamento di tutte le risorse fondamentali per ridurre il tempo necessario per la completa interattività.
  • Pubblica immagini di dimensioni adeguate per consumare meno traffico della rete dati e ridurre i tempi di caricamento.
  • I payload di rete di grandi dimensioni comportano costi reali per gli utenti e sono strettamente correlati a lunghi tempi di caricamento.
  • Potresti usare “ per dare la priorità al recupero delle risorse attualmente richieste in un secondo momento nel caricamento della pagina.
  • I reindirizzamenti comportano ulteriori ritardi prima del caricamento della pagina.
  • I file GIF di grandi dimensioni non sono efficaci per la pubblicazione di contenuti animati. Anziché il formato GIF potresti usare video MPEG4/WebM per le animazioni e PNG/WebP per le immagini statiche. In questo modo userai meno byte di rete.
  • La metrica Tempo per primo byte identifica il momento in cui il server invia una risposta.
  • Alcune risorse bloccano la prima visualizzazione della pagina. Potresti pubblicare le risorse JS/CSS fondamentali incorporate e rimandare tutte le risorse JS/styles non fondamentali.
  • Le immagini ottimizzate vengono caricate più velocemente e consumano meno traffico della rete dati.
  • La memorizzazione nella cache per un lungo periodo di tempo può velocizzare le visite abituali alla tua pagina.
  • Il potenziale ritardo prima interazione massimo che i tuoi utenti potrebbero riscontrare è la durata, in millisecondi, del task più lungo.
  • La metrica Tempo all’interattività indica il tempo necessario affinché la pagina diventi completamente interattiva.
  • Usa la funzionalità CSS font-display per assicurarti che il testo sia visibile agli utenti durante il caricamento dei caratteri web.
  • La metrica Latenza input stimata fornisce una stima del tempo impiegato dall’app, espresso in millisecondi, per rispondere all’input dell’utente durante il periodo di 5 s più impegnativo del caricamento della pagina. Se la latenza è superiore a 50 ms, gli utenti potrebbero considerare lenta la tua app.
  • Somma di tutti i periodi di tempo, espressi in millisecondi, tra FCP e Tempo all’interattività, quando la durata del task ha superato 50 ms.
  • First Contentful Paint 3G marks the time at which the first text or image is painted while on a 3G network. [Learn more](https://developers.google.com/web/tools/lighthouse/audits/first-contentful-paint).
  • Potresti ridurre i tempi di analisi, compilazione ed esecuzione di JavaScript. A tale scopo potrebbe essere utile pubblicare payload JavaScript di dimensioni inferiori.
  • La metrica Indice velocità mostra la velocità con cui diventano visibili i contenuti di una pagina.
  • Rimuovi le regole non valide dai fogli di stile e rimanda il caricamento dei CSS non utilizzati per i contenuti above the fold per ridurre i byte inutili consumati dall’attività di rete.
  • La metrica Prima inattività CPU indica la prima volta in cui il thread principale della pagina è abbastanza tranquillo da poter gestire l’input.
  • Potresti ridurre i tempi di analisi, compilazione ed esecuzione di JavaScript. A tale scopo potrebbe essere utile pubblicare payload JavaScript di dimensioni inferiori.
  • La metrica First Contentful Paint (prima visualizzazione con contenuti) indica il momento in cui vengono visualizzati il primo testo o la prima immagine.
  • I formati delle immagini come JPEG 2000, JPEG XR e WebP spesso consentono una compressione migliore rispetto a quella dei formati PNG o JPEG, che comporta download più veloci e un minor consumo di dati.
  • Gli ingegneri che si occupano dei browser consigliano di usare meno di ~1500 elementi DOM per le pagine. L’ideale sarebbe una struttura ad albero con profondità di < 32 elementi e meno di 60 elementi secondari/principali. Un DOM di grandi dimensioni può aumentare l'utilizzo di memoria, causare [calcoli di stile](https://developers.google.com/web/fundamentals/performance/rendering/reduce-the-scope-and-complexity-of-style-calculations) più lunghi e generare costosi [adattamenti dinamici del layout](https://developers.google.com/speed/articles/reflow).
  • Minimizza i file JavaScript per ridurre le dimensioni dei payload e i tempi di analisi degli script.
  • La metrica First Meaningful Paint (visualizzazione primo elemento utile) indica quando diventano visibili i contenuti principali di una pagina.

10 CONTROLLI SUPERATI POSITIVAMENTE SU 20 ANALIZZATI

INDICE DI PRESTAZIONE e gradimento sito web

53

%


Velocità di caricamento
della Home Page

5,0 s

Indice 4%

 

Peso della pagina
scaricato

2.521 kB

Indice 93 %

 

L’utente interagisce con
la pagina dopo

180 ms

Indice 75 %

 

Opportunità di miglioramento

DEL CARICAMENTO DELLA PAGINA

10

Azioni

 

Possibilità di intervento

1,9

Secondi

 

Stima di tempo risparmiato

38,18

%

 

Stima aumento prestazioni


ELEMENTI ANALIZZATI

  • I file GIF di grandi dimensioni non sono efficaci per la pubblicazione di contenuti animati. Anziché il formato GIF potresti usare video MPEG4/WebM per le animazioni e PNG/WebP per le immagini statiche. In questo modo userai meno byte di rete.
  • Le risorse basate sul testo dovrebbero essere pubblicate con compressione (gzip, deflate o brotli) per ridurre al minimo il numero totale di byte di rete.
  • Le immagini ottimizzate vengono caricate più velocemente e consumano meno traffico della rete dati.
  • Il codice di terze parti può incidere notevolmente sulle prestazioni del caricamento. Limita il numero di provider di terze parti superflui e prova a caricare il codice di terze parti al termine del caricamento della pagina.
  • Somma di tutti i periodi di tempo, espressi in millisecondi, tra FCP e Tempo all’interattività, quando la durata del task ha superato 50 ms.
  • La metrica Latenza input stimata fornisce una stima del tempo impiegato dall’app, espresso in millisecondi, per rispondere all’input dell’utente durante il periodo di 5 s più impegnativo del caricamento della pagina. Se la latenza è superiore a 50 ms, gli utenti potrebbero considerare lenta la tua app.
  • Potresti aggiungere hint delle risorse `preconnect` o `dns-prefetch` per collegarti anticipatamente a importanti origini di terze parti.
  • Potresti ridurre i tempi di analisi, compilazione ed esecuzione di JavaScript. A tale scopo potrebbe essere utile pubblicare payload JavaScript di dimensioni inferiori.
  • Minimizza i file CSS per ridurre le dimensioni dei payload di rete.
  • Potresti usare il caricamento lento per le immagini fuori schermo e nascoste al termine del caricamento di tutte le risorse fondamentali per ridurre il tempo necessario per la completa interattività.
  • Pubblica immagini di dimensioni adeguate per consumare meno traffico della rete dati e ridurre i tempi di caricamento.
  • La metrica Prima inattività CPU indica la prima volta in cui il thread principale della pagina è abbastanza tranquillo da poter gestire l’input.
  • I payload di rete di grandi dimensioni comportano costi reali per gli utenti e sono strettamente correlati a lunghi tempi di caricamento.
  • Potresti usare “ per dare la priorità al recupero delle risorse attualmente richieste in un secondo momento nel caricamento della pagina.
  • Minimizza i file JavaScript per ridurre le dimensioni dei payload e i tempi di analisi degli script.
  • I reindirizzamenti comportano ulteriori ritardi prima del caricamento della pagina.
  • La metrica First Meaningful Paint (visualizzazione primo elemento utile) indica quando diventano visibili i contenuti principali di una pagina.
  • La metrica Tempo per primo byte identifica il momento in cui il server invia una risposta.
  • Alcune risorse bloccano la prima visualizzazione della pagina. Potresti pubblicare le risorse JS/CSS fondamentali incorporate e rimandare tutte le risorse JS/styles non fondamentali.
  • La memorizzazione nella cache per un lungo periodo di tempo può velocizzare le visite abituali alla tua pagina.
  • Il potenziale ritardo prima interazione massimo che i tuoi utenti potrebbero riscontrare è la durata, in millisecondi, del task più lungo.
  • La metrica Tempo all’interattività indica il tempo necessario affinché la pagina diventi completamente interattiva.
  • Usa la funzionalità CSS font-display per assicurarti che il testo sia visibile agli utenti durante il caricamento dei caratteri web.
  • La metrica Indice velocità mostra la velocità con cui diventano visibili i contenuti di una pagina.
  • Rimuovi le regole non valide dai fogli di stile e rimanda il caricamento dei CSS non utilizzati per i contenuti above the fold per ridurre i byte inutili consumati dall’attività di rete.
  • Potresti ridurre i tempi di analisi, compilazione ed esecuzione di JavaScript. A tale scopo potrebbe essere utile pubblicare payload JavaScript di dimensioni inferiori.
  • La metrica First Contentful Paint (prima visualizzazione con contenuti) indica il momento in cui vengono visualizzati il primo testo o la prima immagine.
  • I formati delle immagini come JPEG 2000, JPEG XR e WebP spesso consentono una compressione migliore rispetto a quella dei formati PNG o JPEG, che comporta download più veloci e un minor consumo di dati.
  • Gli ingegneri che si occupano dei browser consigliano di usare meno di ~1500 elementi DOM per le pagine. L’ideale sarebbe una struttura ad albero con profondità di < 32 elementi e meno di 60 elementi secondari/principali. Un DOM di grandi dimensioni può aumentare l'utilizzo di memoria, causare [calcoli di stile](https://developers.google.com/web/fundamentals/performance/rendering/reduce-the-scope-and-complexity-of-style-calculations) più lunghi e generare costosi [adattamenti dinamici del layout](https://developers.google.com/speed/articles/reflow).

16 CONTROLLI SUPERATI POSITIVAMENTE SU 29 ANALIZZATI

Pagina Google  01
Numero Keywords  20
Pagina Google  02
Numero Keywords  34
Pagina Google  03
Numero Keywords  46

DISTRIBUZIONE KEYWORDS


Pagina Google  04
Numero Keywords  51
Pagina Google  05
Numero Keywords  50

DISTRIBUZIONE KEYWORDS

Pagina Google  01
Numero Keywords  20
Pagina Google  02
Numero Keywords  34
Pagina Google  03
Numero Keywords  46

Pagina Google  04
Numero Keywords  51
Pagina Google  05
Numero Keywords  50

X

Contattaci

* Letta l'informativa esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali al fine di essere ricontattato in merico alle informazioni richieste

Letta l'informativa : finalità commerciali/promozionali riguardanti prodotti/servizi/eventi forniti da MONITORO SRL mediante posta e/o telefono e anche attraverso sistemi automatizzati ( SMS, e-mail marketing/newsletter )